Il valore dei libri

Nei respiri tuoi

 

Romanzo di Rino Rizzo Schettino
Quando sei affetto da una malattia infiammatoria cronica intestinale avrai sempre il timore di essere ricoverato in ospedale per essere operato, e ciò è quello che accade a Valerio Zorzi Costano, costretto su una lettiga che lo porterà velocemente nel reparto di Terapia Intensiva; le sue condizioni si sono aggravate, è in stato di shock settico e necessita quanto prima di un intervento chirurgico, che viene puntualmente rinviato per vie di complicanze improvvise, che lo porteranno addirittura al coma farmacologico. Ad attenderlo c’è il dottor Lorenzo Carpi, gastroenterologo, che comprende l’importanza e la rarità dell’empatia con i pazienti attraverso piccole ma potenti parole di incoraggiamento, e incitano il paziente a combattere la propria malattia. Il dottore segue Valerio con particolare attenzione, attirato anche dal lavoro di educatore a sostegno di ragazzi disabili, come sua figlia Rebecca, il suo ‘diamante’, capace di accendere la sua anima di padre. Insieme al dottore c’è soprattutto Elisa Argenti, l’infermiera che si occuperà di Valerio per tutto il tempo della storia: tornata single dopo un tradimento subito, incuriosita per avere il suo stesso raro gruppo sanguigno, inizierà a conoscerlo, si ascolteranno a vicenda traendone entrambi giovamento, tanto da trasformare la relazione di ‘cura’, in qualcos’altro di più profondo, anche se ancora indefinito. Malattia di Crohn, ecco cosa fa soffrire Valerio da sette anni, segnati dalla sofferenza fisica e dall’obbligato cambiamento di stile di vita imposto dalla malattia, capace di influenzare i rapporti interpersonali, il divertimento e i sentimenti.  Nell’attesa di essere operato, il protagonista trova sollievo ascoltando, attraverso il suo Mp3, le canzoni degli U2, i cui testi gli danno slancio per riflessioni sulla sua vita e per mille altri pensieri; in stato di coma, sotto effetto dei sedativi, rivive continui sogni a puntate, con una Voce narrante che lo accompagna in un fantomatico Game Hospital Art Show, nel quale analizza i capolavori di Raffaello, Botticelli, Leonardo, in relazione alla malattia, alla sofferenza, ma, soprattutto, alla bellezza, al coraggio e alla volontà di respirare il mondo e di abitare, come la frutta nel celebre dipinto di Caravaggio, nella grande cesta della vita.


Rino Rizzo Schettino, 53 anni, vive a Pioltello (MI), lavora come Educatore Professionale; è al suo primo romanzo.



LINK PER L’ACQUISTO:

Link Libro