Il valore dei libri

I segreti di Melanie Cooper

di Sabrina Fava

 

Ogni essere umano è un intreccio di contraddizioni. C’è un sottilissimo confine fra fragilità e certezze; osservato con la giusta attenzione si può raggiungere una visione ampia della realtà quotidiana.
Il dualismo è il protagonista ne I segreti di Melanie Cooper. 
Melanie è un’adolescente fragile, oppressa dal fardello che è la vita. Allontanata da quasi tutti i compagni di scuola, derisa dai bulli e vittima di sé stessa. Si ritrova in un vortice di emozioni ingestibile. Costantemente in bilico fra la vita e la morte, sempre al limite fra buon senso e follia.  Vorrebbe nascondere la sua vulnerabilità, per cui prova vergogna, si sente esposta in ogni respiro della sua esistenza. Il desiderio di mostrare al mondo le proprie fragilità con il terrore di apparire sbagliata. Una storia che, con un drammatico effetto valanga, la lascia alle redini di una realtà troppo complicata per essere tenuta sotto controllo. Il suo inconscio la riporta ogni notte indietro nel tempo, in un frammento di vita in cui Melanie si è spezzata e ha smesso di essere una bambina. La sua infanzia strappata via dalle mani di qualcun altro. Una nuova conoscenza è l’unica speranza che la tiene ancorata alla sopravvivenza, pagina dopo pagina. Alex, il perfetto stereotipo di “cattiva ragazza” con la pelle che emana odore di ciliegia e sigaretta, è proprio ciò che serve alla protagonista per dipingere il quadro della sua vita con nuovi colori.
Melanie tende la mano al lettore per invitarlo a conoscere la sua storia, il suo mondo.

 

 

Estratto:

«Secondo te siamo qui per un motivo?» chiesi.

«In che senso?»

«Siamo nati con uno scopo? O siamo qui a caso, senza nessuna ragione?»

[…]

«Io sono qui perché mio padre si è dimenticato di mettere il preservativo… Comunque… io penso di no, non credo a tutte quelle cazzate religiose. Penso che le persone cerchino un motivo per cui vivere e questo implica avere uno scopo, un obiettivo. Sempre alla ricerca di nuovi stimoli, di qualsiasi cosa. Non so se capisci cosa intendo… Questo non significa che dobbiamo vivere di merda solo perché non abbiamo uno scopo, forse dobbiamo cercare di vivere felici proprio perché non ne abbiamo uno. Siamo liberi, capisci? Senza una meta, senza una strada prestabilita da percorrere. Sei una persona fottutamente triste Melanie, lo si legge nei tuoi occhi».


LINK PER L’ACQUISTO:

Link Libro